Per maggiori
informazioni sul metodo
Raggi® con Pancafit®
consultare il sito




COS'È LA DISFUNZIONE LINGUALE?

Deglutire è il risultato dell'azione congiunta di ben 68 muscoli, a capo dei quali c'è la lingua, che spesso però si ritrova a compiere un movimento scorretto determinando così una disfunzione linguale. Si tratta di una patologia frequente , la cui insorgenza è conseguente a problemi di carattere anatomico (quali l frenulo corto o la macroglossia), a problemi di parto(cordone ombelicale attorcigliato attorno al collo) ma soprattutto problemi di carattere funzionale come l'allattamento con metodi artificiali (biberon, tettarelle) e l'uso di succhiotti ed abitudini viziate come la suzione del pollice.

QUALI PROBLEMATICHE PUÒ COMPORTARE?

Qualunque sia la causa, gli effetti che possono produrre sono numerosi e possono interessare innumerevoli organi e apparati. L'apparato stomaco-gnatico è il più interessato,si possono spesso rilevare malocclusioni con morso aperto o coperto, palato stretto, affollamento dentario o presenza di diastemi (spazi aperti tra i denti). Un palato stretto condiziona la funzione respiratoria per la difficoltà di respirazione nasale, determinando sovente la comparsa di ipertrofia, di adenoidi e tonsille, otiti, apnee notturne. Spesso, per l'aumento della pressione aerea che si ha nel rinofaringe durante l'atto deglutitorio, vi è anche interessamento dell'orecchio medio per difficoltà di deflusso attraverso le tube di Eustachio, e tendenza alle otiti recidivanti, con danni che arrivano fino a vere ipoacusie periferiche. La deglutizione scorretta, inoltre, influenza l'apparato digerente con comparsa di aerofagie, coliti e del cosiddetto bolo isterico(conseguenza di uno squilibrio muscolare e di una in-coordinazione diffusa della faringe)

LA DISFUNZIONE LINGUALE INFLUENZA ANCHE LA POSTURA, sia l'atteggiamento della colonna vertebrale sia l'appoggio plantare, la mancanza del mantenimento della posizione corretta della lingua determina l'insorgenza di una ipertonia su più gruppi muscolari, soprattutto cervicali e della colonna, dolori muscolari al collo, mal di schiena, cefalee e patologie dell'appoggio plantare (retropiede valgo, piede piatto, alluce valgo…), problematiche alla funzione visiva (miopia e ipermetropie).